L’arte indifesa: il destino di artisti e collezioni dopo l’emanazione delle leggi razziali

Patrizia Dragoni, Caterina Paparello, a cura di

ISBN: 978-88-9280-059-5
Anno: 2022
Caratteristiche: 208 pp. * brossura * 17 x 24 cm * ill.

Volume 25,00

Descrizione

Il volume, che raccoglie gli atti del convegno internazionale di Studi “L’arte indifesa: il destino di artisti e collezioni dopo l’emanazione delle leggi razziali”, indaga da un punto di vista interdisciplinare la dispersione dell’eredità ebraica attraverso le dinamiche di mercato e la vita di artisti e collezionisti. Articolato in due sezioni, rispettivamente di carattere storico artistico e legislativo, il testo tratta del gusto, della formazione e della musealizzazione di collezioni private, tracciando linee di studio sulla dispersione, sulla ri-contestualizzazione e sulle possibilità offerte dalle restituzioni dell’eredità israelitica.

Patrizia Dragoni è professoressa ordinaria di Museologia, critica artistica e del restauro presso il Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo dell’Università degli Studi di Macerata, dove tiene insegnamenti in materia di museologia, di standard museali e di valorizzazione dei beni culturali ed è direttrice della Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell’Ateneo. Autrice di numerosi studi, anche di carattere monografico, coordina questa collana insieme a Andrea Leonardi.

Caterina Paparello è ricercatrice a tempo determinato presso l’Università degli Studi di Macerata e storica dell’arte incaricata per la Direzione regionale Musei Marche del MIC. Dopo aver collaborato con diversi enti, anche coordinando progetti per la catalogazione e la documentazione dei beni storico-artistici, svolge attualmente attività di ricerca in ordine alle vicende storiche che hanno portato alla dispersione o alla musealizzazione del patrimonio.

Potrebbero interessarti anche...